Eruzione Stromboli 2024

Eruzione Stromboli 2024 (Foto INGV)

Il 4 luglio sul vulcano Stromboli si è registrato un repentino incremento dell’attività vulcanica, che si era già intensificata a partire dal mese di giugno, con l’apertura di una fessura eruttiva alla base del cratere nord-orientale del vulcano e la formazione di un flusso lavico che si è propagato lungo la Sciara del Fuoco, raggiungendo la costa. A poche ore di distanza, l’evento è stato seguito da un nuovo flusso piroclastico che, scorrendo lungo la Sciara del Fuoco, si è esteso sulla superfice del mare generando un’onda di 40 cm, senza tuttavia avere alcun impatto sulle coste dell'isola.  

Alla luce delle valutazioni emerse in merito a tali eventi, durante la riunione con i Centri di Competenza e la Protezione civile della Regione Siciliana, il Dipartimento della Protezione Civile ha variato il livello di allerta da arancione a rosso e disposto la fase operativa di preallarme. L’innalzamento dell’allerta ha determinato l'immediato potenziamento del sistema di monitoraggio del vulcano e del raccordo informativo tra comunità scientifica e componenti e strutture operative del Servizio nazionale.

Presso il Centro Operativo Avanzato – COA di Stromboli si è subito attivato il livello locale di protezione civile. Il Sindaco del Comune di Lipari ha disposto le prime misure precauzionali per tutelare le persone presenti sull’isola.

Il 5 luglio il Dipartimento della Protezione Civile ha convocato il Comitato Operativo con l’obiettivo di aggiornare componenti e strutture operative sullo stato di attività del vulcano e sulle prime misure messe in atto e di predisporre quanto altro previsto dal Piano nazionale di emergenza per rischio tsunami. Nel pomeriggio dello stesso giorno, si è riunita anche la Commissione Grandi Rischi per valutare la possibile evoluzione dei fenomeni.

Con Decreto del Ministro per la Protezione Civile e le Politiche del Mare, l’8 luglio, è stata firmata la mobilitazione straordinaria del Servizio nazionale a supporto della Regione Siciliana. Il provvedimento in particolare assegna al Dipartimento il coordinamento degli interventi, che sono finalizzati a predisporre quanto occorre per assicurare l’assistenza e il soccorso alle popolazioni interessate.

Si raccomanda alle persone che vivono sull'isola o che si mettono in viaggio per raggiungerla di seguire l'evoluzione dei fenomeni in atto e di attenersi alle misure di protezione civile adottate dal Sindaco di Lipari e, più in generale, dal Sistema di protezione civile. Per avere più informazioni sul vulcano Stromboli e conoscere come comportarsi in caso di esplosione parossistica o maremoto è possibile consultare il sito della campagna nazionale sulle buone pratiche di protezione civile Io non rischio, alla pagina dedicata.

Foto: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Attualità

Link utili